Archivio Giugno 2009


Sentii il caldo umido della sua vagina sulle due dita che lei stessa aveva spinto dentro,agganciandomi il polso e pretendendo con forza la masturbazione.
I suoi cortissimi short azzurri facevano ammirare due cosce sode ,rosee e perfette. Non li avevo neanche abbassati,perchè permettevano d’infilare dentro la mano e spostare lo slip.
Io andavo sempre più a fondo e lei stringeva le cosce ,per non farmi fermare.
Lui lì,seduto,legato e immobile su una poltrona a osservare forzatamente la sua donna ,mentre godeva e ansimava di piacere.
Si inginocchiò e con una foga fuori dal comune,se lo infilò in bocca,giocandoci con maliziosa e selvaggia abnegazione.
Guardava in viso il suo uomo,mentre leccava e mordeva,mentre si faceva accarezzare il viso dal mio pene,teso sino all’eccesso.
Lui impassibile, immobilizzato e lei adesso di spalle,aprì al mio possesso ogni parte del suo corpo.
Feci tutto ciò che la mia immaginazione potesse desiderare,e lei ansimava e tremava dall’eccitazione.
Ormai ero stremato,quando lei decise di fermarsi.
Mi fece rivestire così,senza dir niente e con premura mi accompagnò alla porta,con una freddezza tale,che si opponeva alla bramosia sin poco prima mostrata.
Di colpo ebbi una strana sensazione;sentii un calore strano e qualcosa scendeva sulla mia schiena;adesso era dolore che andava a fondo dentro me;
mi girai;
lei aveva in mano un grosso coltello,dal quale colava sangue:il mio sangue.
Mi accasciai e stavo per perdere i sensi ,quando vidi apparire dietro lei,la sagoma dell’uomo che la abbracciò ,sorridendo verso me in modo beffardo;
leccò la lama del coltello e fece cenno di si con la testa,così lei si avvicinò fissandomi:
-”Sarai cibo per il mio padrone e lo disseterai col tuo sangue”-
Non capivo niente dal dolore e dal terrore che avevo dentro,solo una cosa vidi quando lui si spogliò:una pelle bianchissima e secca e delle gambe curve e pelose che terminavano con zampe e piedi equini.
Capii troppo tardi che la mia morte era vicina,mentre il viso di lei assumeva sembianze fuori dall’ordinario.
Vaneggiava forse,o ero io che non percepivo piu’,steso a terra con quella lama vicina al petto.
-”Hai avuto l’onore di far sesso con Midian,e adesso anche quello di essere linfa vitale per il mio uomo e padrone”-
Lo fissai ,era orrendo;
un abnorme caprone verde,con ali da drago e corna da ariete giganti.
Mi girai verso lei,che avvicinandosi sempre piu’ col coltello al mio corpo,rideva soddisatta.
_”Il suo nome è Belfagor…la bestia…!!!Il nostro signore!”

E per me fu’ la notte.

Comments 1 Commento »


Ancora ha altri 4 mesi di gravidanza da portare avanti e quel peso di panza lo sento su dime,nel senso che ci son momenti che si fa proprio pesanteeee!!!Le chiedo ad es. la vuoi la granita?No amore non la voglio,torno a casa- “ma come non l’hai presa la granita?”-
Vado a comprare le sigarette:lei sa che tra andare e tornare dal tabaccaio ci vogliono 10 minuti,all’undicesimo mi squilla il cellulare “amore dove sei? Che fai? Con chi sei”?
Lavoro:finisco alle 11 e 30 a scuola;”ciao gioia come mai ancora non sei arrivato a casa?” A che ora ? alle 11 e 40.
Ma io la amo;
l’altro giorno l’ho vista un po’ tra il nervoso e il triste e le ho chiesto:”Amore hai qualcosa?”
“Noooooo!!!Cosa mi vedi!Cosa vuoi dire! etc. etc.”
Ma io la amo;
Vado al centro parlo con un’amica lo dico a lei;mi chiede cosa ci siam detti e io rispondo;l’indomani parlando le dico che mi ha anche parlato di un suo lavoro fuori;
“E perchè non lo hai detto subito?Lo volevi tenere segreto?Cosi’ fai pensare male!!!”
Si mette il broncio,ma io la amo;
Poi inizia:”tu non mi capisci,tu non sai che mi sento piu’ brutta in gravidanza?”
Io le dico che la capisco lei risponde che non è vero;
Ma io la amo;
ho stilato delle norme comportamentali per affrontare una moglie in gravidanza( ma valgono anche per il pre-mestruale,post-mestruale,durante le mestruazioni,nella menopausa,post-partum…etc.etc.
1-Mai guardare una ragazza non incinta;
2-Dirle che è sempre una silhouette;
3-Non ritardare in nessun caso da qualsiasi impegno;
4-Non andare a giocare a calcetto;
5-Mai chiederle cosa si sente,ma farle capire che glielo vuoi chiedere;
6-Sono tutte piu’ brutte di lei;
7-Dire che non stai assolutamente pensando al fatto che non si potra’ far sesso per un po’ di tempo ,date le circostanze;
8-Ma sai che ho visto ragazze di due mesi meno di te ,moltooo piu’ grosse?

Ma nonostante tutto questo Io la amooooo!!!!!

Comments 3 Commenti »


Son contento che la tipa,

con il ciclo fa la ruota,

peso poi a coma va’ fiera,

la nonna della sua dentiera.

Spiega allegra la Marcuzzi,

che se in forma tu vuoi stare,

uno yogurt al mattino,

ti farà spesso cagare.

Io non so’ se in paradiso,

Dio è mite oppure teso,

ma con tutto sto’ Lavazza

facilmente poi s’incazza.

Sei convinta che sei sola,

col prurito in quella zona?

Ma che pensi!

Siete in tante

con le pulci nelle mutande.

Sull’aereo una tedesca,

fa passare il mal di testa,

e il cavallo che è goloso,

prende a calci quel moccioso.

Alla fine della storia,

per restar nella memoria,

stampan spot anche a puntate,

per riempirci di cazzate.

Comments 3 Commenti »