Archivio Maggio 2012

[mi-stè-ro] s.m.

1 Cosa che esula dai limiti della capacità razionale dell’uomo: il m. dell’universo; cosa nascosta, oscura, indecifrabile: le cause dell’incidente sono ancora avvolte nel m.; modo di agire coperto da riservatezza, segreto..

[fà-sci-no] s.m.

• Richiamo interiore proveniente da qlcu. o qlco. e tale da attrarre, da sedurre SIN attrattiva, seduzione.

 

Attratti spesso dal fascino del mistero ovvero sedotti dall’indecifrabile, dalla riservatezza, dall’oscuro e da certi modi di agire nascosti;  siamo spesso attratti dalla fama di inaccessibilita’ che qualcuno/a riesce a cucirsi addosso, dai suoi argomenti così avvolti da un alone di romantico mistero, ed è vero è bello perdersi in incantesimi che ci tirano fuori in certi momenti dal monotono o caotico vivere quotidiano e a chi non piace essere sia artefice che ” vittima”di questi momenti?

E’ capitato anche a me ed è semplice vivere queste esperienze oggi con l’enorme sviluppo dei social network, delle chat e anche dei blog che pero’ ahime’ son caduti in disuso! Ho conosciuto delle realtà che in tempi passati non avrei avuto modo di vivere perchè le distanze erano eccessive mentre adesso son state annullate dalla multimedialità;  è capitato che grazie al rapporto confidenziale da semplici nick anonimi si è arrivati alla fiducia di dirsi i propri nomi e le proprie esperienze vivendo a distanza una conoscenza o un’amicizia quasi reale che come appunto nella realtà o vanno avanti o finiscono per incomprensioni o semplicemente per incompatibilità di opinioni; ma anche qui purtroppo l’uomo lupo esiste e spesso approfitta di questo anonimato per costruirsi un avatar non confacente alle proprie qualità fisiche o quotidiane e lo utilizza per circuire e ingannare l’altra parte usando metodi scorretti e analizzando i punti deboli da colpire per poter far breccia nella mente, nel cuore e nella confidenzialità; lavorando mi son trovato a casa di un cliente e vedendo la figlia piangere a dirotto e lui incazzato nero ho chiesto cosa fosse successo, la risposta è stata che ha trovato dei messaggi che la figlia aveva scambiato con qualcuno e fin qui nulla di male mi ha detto, ma quando ha voluto sapere chi fosse l altro la figlia diciottenne ha risposto che non lo conosce, non ha mai visto una sua foto ma è un buon amico e con lui si trova bene…è partito un ceffone istintivo in quanto lui è nel campo dei media e ne sente di cotte e di crude al riguardo: violenze piu’ o meno virtuali, foto che finiscono online e dall’altra parte un ignoto che spesso la fa franca perchè la condivisione mi spiegava quando abbraccia un largo circuito è quasi impossibile da collocare e impossibile trovare chi ha iniziato il tutto; ha parlato di denunce e mi ha spiegato che, informandosi, si parla di reato di circonvenzione , ovvero l’utilizzo di modi che con blandizie e lusinghe, nonchè menzogne, cerca di estorcere qualcosa all’altra parte, in questo caso anche determinate prestazioni sessuali seppur virtuali; si parla dunque anche di violenza sessuale e la legislazione sta studiando come poter aspertare il reato di grooming, che sino ad oggi è collegato all’adescamento minorile, anche nei casi in cui  ad essere adescato/a è un maggiorenne che, seppur  ha la capacità riconosciuta di consenso sessuale è stato indotto a cio’ da false notizie e quindi indotto all’errore; vari sono gli articoli applicabili in materia tra i quali ricordo:

Ingiuria:Commette il reato di ingiuria (art. 594 c.p.) chi offende l’onore o il decoro di una persona presente, ed è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a € 516,46.  E’ considerata ingiuria anche la richiesta di una foto quando chi lo ha fatto ha dato falsa testimonianza di sè.

Inganni relativi alla vera essenza della persona:http://www.giovani.it/computer/news/falso_nome_web_reato.php

Qui si mette in evidenza che, quando si fanno false dichiarazioni inerenti la propria persona si lede la fede pubblica e il carcere è vicino.

Delitti contro la fede pubblica: sono presi in considerazione negli articoli 453-498 del codice penale;

ve ne sono tantissimi altri ma prendo questi ad esempio perchè voglio far capire agli autori e alle vittime che non è difficile cadere in questi reati e oggi è altrettanto facile trovare la persona che vorrebbe celarsi sotto mentite spoglie…la denuncia è un ottimo rimedio contro questi esseri…

Chi vi racconta quindi di avere ad esempio 40/45 anni e poi ne ha 60, chi vi dice che è single e invece è sposato, chi vi dice che non ha figli e invece li ha, chi vi induce a determinati atti mentendo su se stesso e sulle proprie qualità incorre in una molteplicità di reati e state tranquille/i che viene trovato basta una traccia: una mail, un numero di cellulare o un messaggio; le prime armi da utilizzare per scoprire chi è sono semplici e le possiamo usare tutti/e: inserire una eventuale mail sui “cerca” dei social network o su google e trovare se ci son tracce…spesso non se ne trovano ma altrettanto spesso si…e quando si vede spuntare su facebook ad es. la foto di chi si era descritto come un Richard Geere, un George Clooney o una Scarlett Johansson o un’Angelina Jolie e d’impatto vi trovate di fronte un esemplare misto tra Abatantuono, Fantozzi e Babbo Natale, o una Renee Zellweger mista a Luciana Turina dei momenti peggiori beh…fatevi una grassa risata ma se avete subito qualcosa…denunciate!

 

Comments Commenti disabilitati

Il 32% degli italiani intervistati, vede nella rivoluzione la giusta soluzione per un cambiamento dello stato di cose attuali, cio’ che era dato per atavico, demagogo e insensato torna e risorge come araba fenice dalle sue ceneri e comincia a incunearsi nelle menti anche di chi sino a poco tempo prima aveva condannato le azioni estreme di rivolta; in effetti da anni in Italia un lungo processo di appiattimento intellettuale-mentale  ha fatto da narcotico sui cittadini rendendoli apatici e indifferenti a tutto cio’ che si stava architettando alle loro spalle; l’involuzione della società italiana subisce un duro colpo con la legge Biagi ovvero la legge 14 febbraio 2003 n.30 di delega al governo in materia di occupazione e mercato del lavoro; in effetti sarebbe stata più giusta chiamarla legge Maroni ma siccome si baso’ sul Libro Bianco sul mercato del lavoro in Italia. Proposte per una società attiva e per un lavoro di qualità» redatto da un gruppo di lavoro coordinato da Sacconi e Marco Biagi e lo stesso Biagi fu ucciso nel 2002′ ufficialmente dalle nuove BR, ma molto probabilmente dai suoi stessi “amici” che videro nella sua morte l’unica soluzione ad una serie di opposizioni alla legge stessa; la morte di Biagi indusse anche i partiti e le menti che non la vedevano appropriata a non reagire in quanto sarebbero potuti cadere in un’accusa ben perpetrata dai destraioli di collusione con le nuove Br;”  la legge Biagi/Maroni del 2003 sostituì il co.co.co con il co.co.pro, introdusse i contratti a progetto, in pratica però abolì ogni forma di diritto per il lavoratore e distinse completamente i diritti di chi lavorava a tempo indeterminato con chi era co.co.pro, questa tipologia di contratto ha come termine il completamento del progetto contrattuale ma ha operato una profonda modifica nei diritti del lavoratore stesso, abolisce completamente le ferie, la malattia, i permessi , la maternità ( in questo caso conclude il contratto e puoi essere licenziata al rientro), persino i versamenti pensionistici non hanno lo stesso valore di un eguale lavoratore a tempo indeterminato(wikipedia)”.

Da allora l’affossamento del lavoratore è andato sempre piu’ evidenziandosi, trascinando ovviamente con sè, oggi, gli stessi imprenditori che stretti nella dura morsa della recessione e delle tasse iniziano a soffrire e a chiudere fabbriche e aziende, travolti da debiti che stanno portando molti addirittura al suicidio; questa di oggi è l’Italia di Monti,  un signore che dall’alto dei suoi affari con le banche avrebbe dovuto salvare l’Italia ma in effetti deve salvare gli istituti che negli anni hanno avuto la sua collaborazione, prova ne sia il fatto che alcuni milioni di euro sono già stati spostati verso banche americane per riparare i debiti che i suoi colleghi e amici finanzieri hann contratto con le stesse.

Ecco chi è Monti:

È stato, tra il 2005 ed il 2008, il primo presidente del Bruegel, un comitato di analisi delle politiche economiche, nato a Bruxelles nel 2005.

Nel 2010 è inoltre divenuto presidente europeo della Commissione Trilaterale, un gruppo di interesse di orientamento neoliberista fondato  da Rockfeller.

Tra il 2005 e il 2011 è stato international advisor per  Goldman Sachs e precisamente membro del Research Advisory Council del Goldman Sachs Global Market Institute.

È stato inoltre advisor della Coca Cola Company, membro del “Senior European Advisory Council” di Moody’s ed è uno dei presidenti del “Business and Economics Advisors Group” dell’Atlantic Council. ( Wikipedia).

Le sue iniziative salva -Italia hanno dato il colpo di grazia all’italiano, con la riesumazione dell’imu, il taglio delle pensioni e altre iniziative che al solito hanno toccato il ceto medio e basso, a volte il ceto alto ma mai i loro diritti, rendendoli sempre piu’ granitici e rinviando di volta in volta la discussione su eventuali tagli alle indennità e alle troppe agevolazioni in nome e per conto loro.

Soluzioni alla problematica? Credo che proprio in questo momento di risveglio dell’italiano, chi crede fermamente nel cambiamento partorito fuori dalle istituzioni, deve tirare fuori la voce e cominciare a lavorare per creare cellule d’azione che possano finalmente colpire la base di uno stato che ha distrutto ogni forma di diritto e di libertà; i segnali contro le sedi Equitalia sono una base ma tanti altri punti strategici in Italia vengono ignorati: la sede della Borsa di Milano, Montecitorio, Quirinale, Palazzo Madama , Palazzo delle finanze e le varie sedi delle agenzie delle entrate…tutte azioni simboliche ma forti, per far capire che la rinascita sta avvenendo nelle nostre menti…

Il processo di default è iniziato, non credo che un solo Bound o btp possa valere la vita di una persona, il mangiare di un bambino o la dignità di una famiglia quindi nell’attesa sperata della nascita di tanti agglomerati rivoluzionari ognuno puo’ iniziare da sè il cammino verso la liberazione, non pagando l’Imu, non pagando il canone e l’azione singola moltiplicata in un contesto piu’ ampio dara’ sicuramente una visione diversa al potente, la visione di un italiano non piu’ stanco e sottomesso ma incazzato e pronto a tutto per la propria dignità e liberta’.

” La soluzione io l’ho trovata

ed è nascosta in pochi centimetri d’acciaio…calibrata…

un colpo in fronte signor Monti”.

 

Comments Commenti disabilitati